Una notte sott'acqua

Il sogno della  vita sott’acqua, suggerito dai racconti di romanzieri come Jules Verne, prende vita in resort di lusso. Si stanno moltiplicando, infatti, le strutture che possono ospitare turisti nelle profondità del mare.
Dall’Atlantico all’oceano Indiano, passando per il Mediterraneo, è possibile alloggiare in  suite sottomarine per un soggiorno a dir poco suggestivo. Vediamo insieme quali sono gli underwater hotel più famosi. Il primo hotel sottomarino, il Jules’ UnderseaLodge, è stato aperto al pubblico già nel 1986 a largo della Florida. La struttura ha subito attirato volti famosi e abbienti appassionati di escursioni sottomarine. Nonostante i prezzi da capogiro, l’arredamento dell’hotel risulta piuttosto spartano: come per l’Utter Inn, aperto nelle gelide acque svedesi nel 2000, l’esperienza di vita subacquea solletica lo spirito d’avventura e di adattamento  del visitatore, in uno straordinario contatto con il mare e i suoi abitanti. Ma gli underwater hotels non sono solo per rudi naturalisti. Esistono strutture sottomarine che vi faranno sentire più coccolati che in una Spa. A una ventina di metri sotto il livello del mare, nel Golfo Persico, si
trova Hydropolis. Nulla di più facile, vicino a Dubai e alle sue architetture futuristiche, che trovare un colossale hotel che riprende le forme sinuose diuna medusa. E’ attrezzato con ben 220 camere dotate di ogni comfort ed è attivo dal 2009. Un progetto altrettanto ambizioso è il Poseidon Underwater Resort, inaugurato al largo delle isole Fiji nel 2010. Con le sue 24 suite a forma di bolla è pronto a soddisfare ogni capriccio a 12 metri di profondità.
Per le coppie particolarmente romantiche, poi, è presente un servizio di wedding planning interno, per rendere le nozze un momento davvero indimenticabile. E’ ancora in fase di competamento, ma si preannuncia come un colosso per il turismo sottomarino, l’Istanbul Underwater. La meraviglia del Mediterraneo sarà un lussuosissimo resort a sette stelle, e si svilupperà su sette piani. Per i più riservati, nelle acque delle Maldive la catena di alberghi Hilton ha realizzato Ithaa, la perla, una cupola di plexiglass subacquea posta a cinque metri di profondità. Si tratta di un ambiente polivalente, che di giorno è un ricercatissimo ristorante fusion, e di notte si trasforma in una romantica suite per due.
Per poter godere di uno di questi soggiorni da favola, però, bisogna mettersi in coda a molti altri aspiranti sirenetti: le  liste d’attesa  sono lunghissime. Un ulteriore dettaglio che può frenare gli entusiasmi è il prezzo: una suite al Poseidon, per esempio, costa circa 2000 euro a notte.







Sempre più viaggiatori single

Un trend in continua crescita quello di chi sceglie di andare in vacanza solo e conoscere i propri compagni di viaggio poco prima di partire su blog e siti dedicati. Ecco tutto quello che c’è da sapere prima di partire.
di Roberta Rizzo

 

Amici, fratelli, sorelle: tutti sposati o fidanzati, qualcuno da poco è mamma o papà. E poi c’è il capitolo ‘partner’: non ha le ferie nel nostro stesso periodo o, fatto indiscutibilmente da analizzare, preferisce passare le vacanza al mare con i suoi. Prima di mollarlo definitivamente c’è una soluzione a portata di mano che può farvi tornare di buonumore e che fino ad ora non avevate mai preso in considerazione: viaggiare soli. Chi non l’ha mai provato dovrebbe farlo una volta nella vita perché le ‘solo holidays’, come le chiamano gli americani, sono un modo per conoscere meglio sé stessi nonché un trend in continua ascesa anche grazie al web. Se da un lato, infatti, i tour operator tradizionali continuano inspiegabilmente a ignorare questa crescente fetta di mercato (in Gran Bretagna almeno 1 persona su 4 è separata, divorziata o vedova) sulla rete spuntano sempre più siti specializzati in vacanze per single. Portali che offrono al viaggiatore la possibilità di incrociare altri viaggiatori single, o sfruttare pacchetti economici in grado di far risparmiare sulla camera d’albergo che, altrimenti, verrebbe pagata con il supplemento della doppia. Ecco alcuni dei più interessanti che vi consigliamo di tener sott’occhio in vista delle prossime vacanze.

Travelsingle (www.travelsingle.it):  Operatore di viaggi per chi vuole scoprire nuove destinazioni facendo nuove amicizie in tutta Italia. Si pone l’obiettivo di “creare occasioni di aggregazione tra single” che saranno seguiti da accompagnatori esperti durante tutto il viaggio. I globe-trotter si muovono in gruppo e sono divisi per tre fasce d’età (under 30, 30/50 e over 50): chi non vorrà pagare il supplemento ‘singola’ potrà condividere la camera con qualcun’altro oppure potrà optare per le offerte (limitate) in camera singola gratuita.

Avventure nel mondo (www.viaggiavventurenelmondo.it): Per chi ha sempre sognato di attraversare la catena himalayana o esplorare l’Africa ma non ha mai trovato il compagno di viaggio giusto, perfetto per chi è abituato a viaggiare in gruppo e si adatta facilmente, ma è anche per chi è avventuroso. Il segreto? Trovare un coordinatore in gamba e un gruppo sulla tua stessa lunghezza d’onda (qualsiasi essa sia).

Vagabondo (www.vagabondo.net):  anche questo portale è specializzato in viaggi-avventura “punto d’incontro delle persone che amano organizzare i viaggi per conto proprio, indipendenti e fuori dalle rotte del turismo di massa”. Si rivolge a gruppi di massimo 14 persone con un’età media compresa tra i 35 e i 40 anni; Tra le mete più gettonate Guatemala, Tibet, Laos, Cambogia.

Speed Vacanze (www.speedvacanze.it): dai week end tematici, alle crociere per single, alle vacanze in mare in Italia e all’estero, fino ad arrivare ai viaggi per single. Nella sezione blog c’è chi ringrazia così: “Mare infinito, gente sconosciuta. Questa vacanza mi ha fatto scoprire l’uno e l’altra”.  Il viaggio, del resto, è soprattuto l’occasione di fare nuove esperienze, incontrare persone che vivono in altre città o perfino dall’altro lato del pianeta e che altrimenti non si avrebbe mai avuto l’opportunità di conoscere.

Citysingle (www.citysingle.it): specializzato in crociere e vacanze in barca a vela sia in Italia che all’estero. Organizza anche vacanze a tema o semplici weekend.

Contiki (www.contiki.com): propone un’ampia scelta di vacanze avventura in tutto il mondo per 18-35enni: dalle isole greche ai viaggi in Sud America on the road. Si viaggia in gruppo, 30-50 persone al massimo.

Dragoman (www.dragoman.com): la sua peculiarità sono il viaggio all’aria aperta on the road a bordo di caravan o furgoncini convertiti in camper. Si parte da un minimo di 10 giorni a un massimo di 4 mesi di viaggio. I tour più impegnativi, quelli del Sud America e del sud-est asiatico sono riservati ai 18-28enni.

Wild Frontiers (www.wildfrontierstravel.com): organizza itinerari per massimo 12 persone in India e Asia centrale, ma da alcuni anni si sta specializzando in viaggi per single in Africa per osservare la vita degli animali selvaggi.

Single in vacanza (www.singleinvacanza.it): organizza vacanze per single di tutte le età e condizioni (vedovi, celibi e nubili, sposati o fidanzati che però decidono di trascorrere vacanze separate, etc.), cercando di creare gruppi il più possibile bilanciati. È un tour operator che propone viaggi per persone che, pur partendo sole, sono alla ricerca di compagnia durante il soggiorno. Si cerca pertanto di garantire la libertà individuale, pur dando vita a momenti di socialità e condivisione.

Infine c’è Permesola (www.permesola.com): che nell’area “Amica di valigia” permette a donne che non vogliono viaggiare sole di pubblicare annunci per trovare una compagna di viaggio.

Viaggiare Sicuri qualunque sia la vostra meta e i vostri compagni di avventura: prima di partire da soli è fondamentale consultare la sezione “Viaggiare Sicuri” del sito della Farnesina, per registrare le tappe del proprio itinerario e controllare se la meta prescelta è a prova di ragazza avventurosa o no. E per un consiglio in più si può sempre contare su portali come Journey Woman, dedicato proprio alle donne che viaggiano sole e ricchi di dritte utili.

Interrail e Hostelworld negli Anni 90 andava tantissimo tra i giovanissimi e non è affatto passato di moda: L’Interrail è un modo di viaggiare attraversando diversi paesi a bordo dei treni di tutta Europa. Con tante ore a disposizione sarà molto facile stringere amicizia tra un vagone e l’altro. Una volta pagata l’iscrizione, oltre al pass InterRail si riceve un pacchetto di viaggio gratuito contenente una mappa della rete ferroviaria europea e una guida del pass con informazioni utili. Per i pernottamenti si può optare per gli ostelli (sempre molto di tendenza soprattutto nei paesi anglosassoni e in nord Europa) o per i Bed & Breakfast. Date un’occhiata al circuito Hostelworld (www.hostelworld.com) che collabora proprio con Interrail: da lì sarà anche possibile conoscere altre persone pronte a intraprendere un itinerario simile al tuo. Per chi ama le comodità degli alberghi ghiotte occasioni a 5 stelle si trovano nei più gettonati siti di viaggi online. 







Come fare la valigia perfetta

10 CONSIGLI PER FARCI STAR TUTTO!

Cosa mettere e soprattutto come fare per realizzare una valigia perfetta?
Per farci stare tutto e non avere crisi di nervi ci sono 10 piccoli consigli!

Manca  poco  alle  vacanza  ma  il  primo  tra i mille drammi della partenza è sempre lo stesso: riuscirò quest’anno a farci stare tutto nella valigia e a non ridurre gli abiti a degli stracci stropicciati come se fossero appena usciti dalla centrifuga? Riuscire a fare una valigia perfetta non è però impossibile!

1. Lista!
Le liste sono il primo segreto per avere tutto organizzato e sotto controllo: riuscirete a tenere sott’occhio la quantità di pantaloni che avete scelto, limitare il numero di scarpe e accorgervi se avete dimenticato qualche cosa.

2. Tutto sul letto
Prima di cominciare a preparare la valigia mettete tutto sul letto e controllate, con lista alla mano, che ci sia tutto.

3. Le scarpe prima di tutto
Qualunque  sia  la  valigia  che  avete,  sul  fondo  mettete  le scarpe: incastratele come nelle scatole delle scarpe e avvolgetele in un sacchetto. Posizionatele lungo i lati della valigia.

4. Non piegate, arrotolate!
Uno dei segreti per rendere più facile fare una valigia è come piegare gli abiti. Le scuole di pensiero si dividono a riguardo tra chi preferisce non piegare e lasciare gli abiti stesi e chi invece arrotola. Con il secondo metodo sarà tutto più ordinato, meno piegato e guadagnerete spazio.

5. Occhio ai buchi
Dopo aver messo le scarpe nel fondo della valigia controllate i primi buchi che restano tra un paio di scarpe e un altro. Con cosa riempirlo? I costumi non si stropicciano e sono perfetti per riempire tutti gli interstizi della valigia!

6. Per primi i jeans
Potete quindi mettere il primo strato di vestiti: prima i vestiti fatti con tessuti pesanti che non si stropicciano facilmente, preferibilmente pantaloni e jeans.

7. Buchi parte seconda
Dopo il primo strato di vestiti ci saranno ancora dei piccoli buchi: esauriti i costumi,inserite l’intimo! Anche questo non si stropiccia e si presta ad essere infilato un po’ ovunque!. Magliette e camice A questo punto inserite nella valigia le magliette arrotolate e i golfini per le sere più fredde. Al penultimo strato le camice che, come ben sapete, si stropicceranno comunque (e forse è meglio lasciarle a casa per un paio di settimane di vacanza!)
 

8. Accessori e trucchi
Se la vostra valigia comincia ad essere piena urge il piano d’emergenza trucchi: sono il terzo grande tappabuchi della  valigia!  Armatevi  di  tanti  piccoli  beauty  case  nei  quali suddividere i prodotti in base alla loro funzionalità: trucco giorno, trucco sera, idratazione, protezione mare, smalti ,
eccetera. Infilate nei buchi.

9. Vestiti e foulard
L’ultimo strato è da lasciare a tutti gli abiti di tessuti leggeri e facilmente spiegazzabili l’ultimo strato, quello sul quale non graveranno altri pesi. Stendete sull’ultimo strato di abiti  un  foulard  di  cotone  che  non  mettete  più  e  sarete certe che la cerniera della valigia non si incepperà nei vestiti preziosi.

10 La regola più importante!
Ad ognuno la sua valigia: nella vostra valigia non ci sarà spazio per le ciabatte del vostro compagno o per i bavaglini di vostro figlio! Almeno nella valigia tenetevi stretto il vostro spazio!

Buon viaggio!

 







Elenco articoli