Come avere una pancia piatta

Almeno una volta nella vita ognuno di noi si è chiesto come fare per avere una pancia piatta.  Ci sono metodi e rimedi che possono togliere qualche chilogrammo di troppo.

Se vogliamo eliminare anche 5 o 10 chilogrammi non si parla più di pancia piatta ma di dimagrimento in generale e non è scopo di questo articolo raggiungere quell’obiettivo, affidarsi ad un esperto o al proprio medico è la cosa migliore. Se invece cerchiamo di ridurre la piccola pancetta che ci impedisce di far vedere gli addominali allora dobbiamo per forza voler trovare il modo per avere una pancia piatta. Sostanzialmente, dobbiamo prima regolarizzare le nostre abitudini e soprattutto la nostra alimentazione. Se non abbiamo una pancia piatta a causa del gonfiore allora dovremmo individuare tutti quegli alimenti che ce lo provocano. Se invece la causa è del grasso depositato dobbiamo adoperare una strategia che ci garantisca una pancia piatta in un tempo ragionevolmente breve. Questa strategia consente di ridurre la pancia bruciando il grasso e regolarizzando l’alimentazione favorendo la riduzione del grasso accumulato sull’addome. Il passo successivo potrebbe essere quello di tonificare gli addominali per far risaltare i muscoli.

 

Riassumendo serve:
- un’alimentazione per pancia piatta,
- esercizi o allenamenti specifici per bruciare i grassi,
- esercizi addominali.
Su quest’ultimo punto bisogna sfatare un tabù, chi cerca di ottenere una pancia piatta con gli addominali è sulla strada sbagliata. Infatti, tonificando gli addominali non si toglie il grasso sopra di essi e l’effetto è quello di avere la pancia come prima e dei muscoli sviluppati. Per togliere quel grasso bisogna bruciarlo e smaltirlo. Solitamente la camminata veloce e la corsa sono l’ideale.
Sottolineare che la pancia piatta non si ottiene se siamo in sovrappeso ed i chili di troppo sono ovunque è il punto di partenza. Il passo successivo è quello di andare a capire il perché la nostra pancia non è piatta. Le possibilità sono essenzialmente due:
- abbiamo la pancia con le maniglie dell’amore,
- abbiamo parecchia aria e gonfiore addominale.
Queste due cause hanno ovviamente dei metodi e delle tecniche differenti per poter raggiungere una pancia piatta. In molti casi bastano piccoli accorgimenti e rimedi per ottenere i risultati in poco tempo.
 

Rimedi per sgonfiare la pancia
La pancia gonfia - spesse volte riconosciuta con il termine meteorismo - è in genere accompagnata da alterazioni della frequenza di evacuazione (stipsi o diarrea), crampi addominali, flatulenza ed eruttazione.
Spesso, la pancia gonfia costituisce un sintomo passeggero, causato per esempio da un pasto troppo abbondante o consumato voracemente, oppure da un aumento di peso. Altre volte, invece, il gonfiore addominale è un sintomo di fenomeni fisiologici, quali sindrome premestruale e menopausa. In altri casi ancora, la pancia gonfia nasconde patologie più importanti, quali: appendicite, cancro al colon e all’ovaio, calcoli alla cistifellea, fibrosi cistica, gastroenterite virale/batterica, intolleranze alimentari (es. celiachia), sindrome dell’intestino irritabile ecc..
Non va dimenticato che il gonfiore può essere causato anche da tensioni e stress. Saper gestire queste tensioni permette di ridurre immediatamente i disagi e a goderne non sarà non solo il corpo.
Se il nostro problema è il gonfiore, porre particolare attenzione al corretto abbinamento dei cibi costituisce un eccellente rimedio per “sgonfiare” più in fretta la pancia gonfia, oltre a: - Mangiare lentamente e con moderazione.
- Assumere yogurt con fermenti lattici vivi od un probiotico in caso di terapia antibiotica (utile per la cura del meteorismo dipendente da gastroenterite batterica).
- Mantenere un discreto apporto di fibra ed un buon livello di idratazione (bere almeno 2 litri d’acqua al giorno).
- In assenza di patologie lombo-sacrali come lombalgie, ernie ecc., un buon rimedio per attenuare il meteorismo è “allenare la pancia” mediante esercizi di torsione del busto con bastone. L’esercizio consiste nell’inclinare leggermente il tronco in avanti, ruotando da destra a sinistra (e viceversa) un bastone che poggia dietro la testa, sopra le spalle.
- Diminuire lo stress. Anche se scontato, diminuire le tensioni quotidiane costituisce un ottimo rimedio per alleviare il gonfiore addominale dipendente da eccessivo stress.
- Seguire corsi yoga, pilates o qualsiasi altra forma di rilassamento.
- Praticare esercizio fisico costante: lo sport è un rimedio particolarmente efficace sia per l’umore, sia per alleviare il gonfiore alla pancia.
- Contattare immediatamente il medico se assieme al gonfiore addominale, si osservano altri sintomi potenzialmente gravi come febbre alta, diarrea grave, inappetenza, aumento dei dolori addominali alla palpazione.
- Se necessario, assumere antibiotici non assorbibili che esercitano la loro azione riequilibrante sulla flora batterica a livello enterico senza essere assorbiti dall’intestino.
- Non parlare mentre si mangia.
 

Cosa NON fare
- Abbuffarsi. Le grandi abbuffate sono i peggiori nemici della pancia gonfia
- Seguire un regime dietetico sbilanciato, caratterizzato da eccessi, alimenti iperlipidici e cibi “spazzatura”.
- Abusare di lassativi a base eteropolisaccaridica (fibre): questi prodotti (compresi quelli erboristici) si gonfiano a livello gastro-intestinale, favorendo la pancia gonfia.
- Coricarsi immediatamente dopo il pasto.
- Bere bibite gassate.
- Masticare chewingum o succhiare troppe caramelle può favorire il gonfiore addominale.
- Bere con la cannuccia o sorseggiare la superficie di una bevanda calda può aumentare il senso di pancia gonfia. Con questo atteggiamento, infatti, viene inconsapevolmente ingerita anche aria.
- Abbinare molti cibi insieme (es. pasta, carne, pesce e dolci).
- Sedentarietà.
- La depressione, l’ansia e lo stress accentuano la tensione addominale.
- Fumare durante i pasti.
 

Cosa Mangiare
- Assumere tanta frutta e verdura, in quanto ricca di antiossidanti (vitamina C ed E).
Se necessario, controllare la fame preferendo alimenti integrali (pasta, riso) e ricchi in fibre.
- Concedersi un frutto zuccherino lontano dai pasti, dal momento che questi alimenti favoriscono la fermentazione dei cibi a cui vengono associati.
- Associare proteine a verdure (non fritte).
 

Bere dopo i pasti infusi di:
Finocchio, favorisce l’espulsione dei gas.
Menta, diminuisce la fermentazione e la pancia gonfia.
Mela, interviene nella regolazione della fermentazione intestinale.
Mirtillo, vanta proprietà antifermentative.
 

Cosa NON Mangiare
- Evitare il consumo di alimenti di difficile digestione, come intingoli, fritture, alimenti piccanti e ricchi di grassi.
- Evitare (o limitare al massimo) il consumo di alimenti che possono indurre flatulenza, come legumi: ceci, lenticchie, piselli, fagioli, fagiolini, cavoli, cipolle, melanzane, lieviti, carote.
- Latte e latticini: limitare il consumo di latte e derivati costituisce un ottimo rimedio per alleviare o prevenire il gonfiore addominale nei soggetti intolleranti al lattosio.
- Bibite, dolci e dolcificanti artificiali: fermentando a livello intestinale, questi alimenti favoriscono o aggravano la percezione di pancia gonfia.
- Gli abbinamenti “Latte + uova” così come “legumi + carne” sono sconsigliati in caso di pancia gonfia.
- Alimenti complessi (che, costringendo l’apparato gastrointestinale ad un super lavoro digestivo, rallentano la digestione).
- Panna montata, frappé, frullati, maionese e pasta sfoglia (contengono aria, pertanto possono aggravare la sensazione di pancia gonfia).
 

Cure e Rimedi naturali
Il carbone - vegetale, animale, officinale composto e medicato - costituisce il rimedio erboristico più noto ed efficace per contrastare la pancia gonfia non patologica. Il carbone è l’unica sostanza in grado di assorbire i gas. Esso vanta straordinarie proprietà assorbenti, tali da inglobare l’aria in eccesso ingurgitata con l’alimentazione.
Anche le piante carminative contribuiscono a ridurre il gonfiore addominale che contraddistingue il meteorismo. Diversamente dal carbone, queste droghe esercitano la propria azione terapeutica contro la pancia gonfia eliminando (e non adsorbendo) i gas:
Cumino: proprietà carminative, digestive e antimicrobiche
Anice: proprietà carminative, digestive ed antimicrobiche
Finocchio: azione stimolante sulla motilità dello stomaco e dell’intestino, attività antifermentativa
Angelica: attività spasmolitiche, procinetiche e carminative
Menta: proprietà spasmolitiche, digestive, antisettiche
Melissa: proprietà rilassanti, digestive, antibatteriche, antinfiammatorie, antispasmodiche
Camomilla: spasmolitica, antinfiammatoria ed antibatterica.

Integrare la dieta con prodotti naturali formulati con fibre può costituire un buon rimedio per trattare la pancia gonfia (anche se, attenzione, l’eccesso di fibre può favorirla):
Agar agar
Glucomannano
Gomma guar
Pectine di psillio
Gomma Karaya
Glutammina: nutriente fondamentale per gli enterociti (cellule della mucosa intestinale dalla cui salute dipende la corretta selettività e capacità di assorbimento intestinale).
 

Cure Farmacologiche
Non sempre è necessario ricorrere a specialità farmacologiche per porre rimedio alla pancia gonfia. Più spesso, è sufficiente seguire una dieta sana e bilanciata, associata ad una pratica sportiva regolare. Ad ogni modo, alcuni pazienti ricorrono all’ausilio di farmaci, che vanno sempre assunti con moderazione e buon senso, previo consiglio/prescrizione medica:
Farmaci parasimpatico-mimetici (agonisti muscarinici): favorendo la peristalsi, questi farmaci velocizzano i tempi di allontanamento del gas intestinale
Betanecolo (es. Myocholine)
Farmaci antischiuma + antiacidi:
Dimeticone (es. Simecrin, Meteosim)
Integratori probiotici: utile rimedio in caso di pancia gonfia. Essendo in grado di regolarizzare l’attività intestinale, questi farmaci favoriscono l’attecchimento della flora batterica simbionte.

Prevenzione
Il miglior rimedio per la cura della pancia gonfia è la prevenzione. In assenza di patologie sottostanti, è possibile prevenire la pancia gonfia semplicemente seguendo un regime dietetico sano e bilanciato, rispettando quanto dettato dall’educazione alimentare ed eseguendo regolarmente esercizio fisico. L’adozione di una corretta tecnica respiratoria (vedi respirazione addominale) può favorire la riduzione dei gonfiori grazie al massaggio intestinale costantemente esercitato dal diaframma durante gli atti respiratori

Trattamenti medici
In genere, non sono necessari trattamenti medici specifici per porre rimedio al gonfiore addominale. Ad ogni modo, il paziente affetto da pancia gonfia può essere sottoposto ad un mirato intervento medico nelle seguenti circostanze:
- Ostruzione intestinale: richiede un trattamento chirurgico consistente nella rimozione di tutte le parti intestinali in necrosi.
- Cancro al colon/ovaie: richiede un trattamento radio/chemioterapico e/o chirurgico.
- Appendicite: richiede l’appendicectomia.
- Calcoli alla cistifellea: richiede colecistectomia.
 

Rimedi per eliminare il grasso dalla pancia
Se invece la pancia è dovuta ad un sovrappeso generale, forse è meglio seguire qualche percorso di dimagrimento. Diversamente i rimedi sono semplici e molteplici. Il concetto è quello del rimettersi in forma e del rimettersi in linea. Se riuscissimo a regolarizzare il nostro ritmo di vita facendo attenzione ad alcune cose vedremmo già dei notevoli miglioramenti dopo una settimana.
Regolarizzare l’alimentazione, evitando accostamenti di alimenti che possano portare a gonfiore oppure che possano creare un mix di grassi difficilmente smaltibili
Fare movimento, camminare, correre, andare in bici. Se non si ha tempo è necessario sfruttare le pause della giornata oppure gli spostamenti.
Fare una dieta per dimagrire, ci consentirà di perdere peso un po’ ovunque e quindi anche sulla pancia.
- Evitare alcolici e dolci, spesso sono le due principali cause di accumulo di grasso addominale. Soprattutto i superalcolici.
- Non prendete l’autobus o la macchina per 2 km andate a piedi (molti perdono la pancia solo camminando in pausa pranzo).
- Fate le scale e non prendete l’ascensore.
- Evitare indumenti ed accessori che possano comprimere la pancia.
- Non usare lassativi.
- Usare degli integratori naturali che aiutino la digestione

Se dopo un paio di settimane vediamo che non otteniamo risultati dovremmo attuare il processo di dimagrimento che comporta una serie di attività tra le quali sport, dieta ed alimenti. La dieta per dimagrire solo nella pancia è quindi una dieta equilibrata, senza eccessi e senza troppi limiti di alimenti. Indichiamo cosa non si dovrebbe mangiare e quali consigli si dovrebbero seguire:
- ridurre i carboidrati,
- ridurre ad una volta la settimana i salumi e gli insaccati,
- eliminare i formaggi stagionati,
- mangiare tanta verdura e frutta,
- prediligere il pesce e le carni bianche,
- mangiare poco la sera,
- eliminare tutti gli altri alimenti dopo la cena.

Esercizi per eliminare la pancia
Ci sono molti esercizi per rassodare i muscoli dell’addome, per snellire i fianchi e la pancia. Fare esercizi di potenza in una prima fase non serve, ecco perché fare solo addominali per la pancia piatta non basta. Molti sostengono che è possibile mantenere certi vizi di alimentazione moltiplicando lo sforzo fisico, questo potrebbe essere vero ma fino ad un certo punto, se l’alimentazione è troppo sregolata il ragionamento non vale. Gli esercizi per pancia piatta sono sostanzialmente sul posto e simulano un’attività aerobica come la camminata o la corsa.

Esercizio pancia piatta 1
Camminare sul posto per 10 minuti. Questo fa aumentare il battito cardiaco entrando in capacità aerobica. Dopo qualche minuto alzate le ginocchia ed aumentate la camminata sul posto. Molto utile per l’inverno, per iniziare e come alternativa alla camminata. Ripetete per 3 volte in modo da arrivare a 30min.

Esercizio pancia piatta 2
Aerobica e step. Fare dell’aerobica con un gradino, seguendo la musica per esempio, è uno dei modi migliori per dimagrire sulla pancia in inverno. Chiaramente uno sforzo di questo tipo fa dimagrire e tonificare il corpo in generale ma i benefici sulla pancia sono notevoli

Esercizio pancia piatta 3
Rotazioni del busto. In piedi con le gambe leggermente piegate e le mani dietro la testa con ginocchia aperta, ruotare il busto a destra ed a sinistra. Avere una buona elasticità della pelle, dei tessuti e della massa muscolare consente un miglior drenaggio e smaltimento del grasso in eccesso. Questo esercizio è ottimale anche con un bastone dietro il collo. Ripetere questo esercizio negli intervalli di recupero dell’esercizio 1.

Pancia Piatta in una settimana?
Se ci si chiede come fare per ottenere una pancia piatta in 10 giorni o addirittura in una settimana l’impresa è piuttosto ardua. Infatti dovremmo smaltire il grasso sulla pancia in pochissimo tempo. Ma quanta pancia abbiamo?
Se abbiamo una pancia consistente è praticamente impossibile riuscirci dopo 10 giorni. Se invece abbiamo un leggero filetto si possono provare a fare degli allenamenti e diete serrate per ottenere una pancia piatta in una settimana ma attenzione, i risultati vanno poi mantenuti perché tornando alle vecchie abitudini si perderanno rapidamente. Senza costanza non si raggiunge l’obiettivo.
Per una pancia piatta in una settimana dobbiamo fin da subito adottare la seguente strategia:
- regolarizzare l’alimentazione: ridurre i grassi, eliminare gli alcolici vino compreso, eliminare i dolci, magiare tanta frutta e verdura, bere tanto e mangiare poco e più volte al giorno, eliminare pastine, patatine ed altre sfizioserie inutili;
- camminare velocemente (oppure corsetta leggera, bici o cyclette agile) almeno un’ora al giorno o camminare due volte al giorno per almeno 30 minuti;
- eliminare tutte le nostre comodità, evitate ascensori, camminate il più possibile, se dovete fare delle commissioni andate a piedi o in bici, non prendete la macchina per fare ogni cosa.
Ovviamente se si comincia a dire:
beh un bicchiere di vino non fa male,
beh se vado in bici perdo troppo tempo,
faccio solo 30 minuti di camminata veloce...
non otterremo mai il risultato in una settimana, per questo si deve essere abbastanza radicali Una volta raggiunto il risultato si deve però mantenere adottando un’alimentazione ed un’attività sportiva seppur meno rigida.







Elenco articoli