Allergie primaverili

Primavera significa boccioli e alberi in fiore, ma per i milioni di persone che soffrono di allergie primaverili  significa  anche  starnuti, congestione, naso che cola e altri problemi e sintomi.

All’inizio della primavera il colpevole principale è il vento carico del polline dagli alberi, mentre in tarda stagione è l’erba (molto spesso le graminacee) che inizia a causare problemi. L’aspetto peggiore delle allergia primaverili è che i segni e i sintomi si verificano durante i giorni caldi, secchi o ventilati, quando c’è un sacco di polline e di muffa nell’aria. Prima di accontentarsi di fiori di plastica e di piante artificiali, provate queste semplici ed efficaci strategie. Non si possono evitare completamente le allergie stagionali, ma è possibile ridurne le conseguenze. Ecco alcuni suggerimenti che vi possono aiutare.
 

1. Ridurre l’esposizione ai pollini
Ci sono alcune cose che si possono fare per ridurre l’esposizione al polline che scatena l’allergia:
- Rimanete in casa nelle giornate secche e ventilate. Il momento  migliore  per  uscire  è  dopo  una  buona  pioggia  che aiuta a ripulire l’aria dal polline.
- Evitare gite e soste prolungate nei prati, sopratutto durante il taglio del fieno per gli allergici alle graminacee. Delegate il lavoro di giardinaggio a qualcun altro, evitate tutto ciò che possa farvi stare a contatto con fiori, alberi o prati (ricchi di graminacee) e che possa produrre allergeni. Lavare spesso con acqua il viso e le altre parti del corpo scoperte dopo l’esposizione.
- Lavate i vestiti che avete indossato all’esterno, sarebbe bene anche farsi una doccia per sciacquare il polline dalla vostra pelle e dai capelli. Evitate che i vostri animali domestici si mettano sul letto o sul divano . Il polline si attacca al pelo animale.  Non  appendete  il  bucato  all’esterno.  Il  polline  si può attaccare a lenzuola e asciugamani. Se lavorate all’aperto, indossate una maschera antipolvere.
2. Fare particolare attenzione quando c’è molto polline
Segni e sintomi dell’ allergia stagionale possono aumentare quando c’è molto polline nell’aria. Questi accorgimenti possono aiutare a ridurre l’esposizione al polline:
- Controllate su Internet le previsioni del polline e i livelli di allergeni da graminacee e altre piante in corso (Il periodo di fioritura delle diverse varietà di polline cambia per zonedifferenti  e,  in  generale,  in  pianura  avviene  prima  che  in montagna.). Se si prevedono elevati livelli di polline nell’aria, iniziate a prendere i farmaci per l’allergia prima della comparsa dei sintomi.
- Chiudete le porte e le finestre di notte o in qualsiasi altro momento, quando i livelli del polline sono elevati. Evitate attività all’aperto nelle prime ore del mattino quando i livelli del polline sono superiori.
3. Mantenere pulita l’aria interna
Non c’è nessun prodotto miracoloso in grado di eliminare tutti gli allergeni dall’aria nella vostra casa, ma questi accorgimenti vi possono aiutare:
- Mettete l’aria condizionata in casa e in auto.
- Utilizzare dei filtri specifici contro l’allergia nel vostro sistema di ventilazione. Evitate che l’aria interna si possa asciugare tramite un deumidificatore.
- Utilizzare un filtro ad alta efficienza per il particolato atmosferico (HEPA) nella vostra camera da letto.
- Pulite i pavimenti con un aspirapolvere che abbia un filtro HEPA ad alta efficacia contro le particelle aeree.
4. Fare attenzione alla pulizia della casa
Le pulizie di primavera sono un ottimo modo per ridurre gli allergeni in casa. In aggiunta alla regolare routine della pulizia di primavera, questi suggerimenti possono aiutarvi se siete allergici agli acari della polvere: Rivestite i materassi e usate delle coperture per cuscini a prova di allergia. Lavate lenzuola  e  coperte  con  acqua  riscaldata  ad  almeno  50  °C. Passate l’aspirapolvere sui tappeti settimanalmente. Sostituite la moquette con un pavimento in laminato o in altro materiale duro che non raccolga gli acari della polvere e altri allergeni, in particolare nella vostra camera da letto.
5. Allergie Crociate
Alcuni alimenti, in particolar modo vegetali, possono indurre reazioni inaspettate (prurito e gonfiore alle labbra ed in bocca per esempio) perché responsabili di allergie crociate: evitare o consumare in seguito a cottura. I pazienti allergici alle betulacee dovrebbero prestare attenzione a carote, mele, nocciole, pere, finocchi, noci, ananas, ciliege, albicocche, banane, susine, prugne e fragole. I pazienti allergici alle graminacee dovrebbero invece fare attenzione a melone, pomodori, angurie, arance, kiwi ed in alcuni casi anche a avena, frumento, orzo, segala e mais. Infine i pazienti allergici alla compositae evitino sedano, anguria, melone, banana, zucchino, cetriolo, carote e prezzemolo.
 

Quando consultare il medico
Per molte persone l’uso di farmaci da banco consente di alleviare i sintomi da allergia alle graminacee ed altre piante, ma se le vostre allergie stagionali sono particolarmente fastidiose, potrebbero essere necessari dei test cutanei o degli esami del sangue per scoprire esattamente quali sintomi vengono innescati dagli allergeni. Ciò può aiutarvi a determinare quali passi è necessario intraprendere per evitare che si possa innescare una reazione allergica e può aiutare il medico a determinare quali trattamenti possono funzionare meglio.

Farmaci
Alcuni farmaci per le allergie da banco o sotto prescrizione possono aiutare a controllare i sintomi dell’ allergia stagionale:
Corticosteroidi per via nasale. Disponibili sotto prescrizione, i corticosteroidi spray nasali sono un farmaco efficace per le allergie stagionali e vengono spesso prescritti per affrontare dei sintomi fastidiosi.
Non si possono notare miglioramenti se non dopo aver utilizzato questi farmaci per una settimana o giù di lì:
•  Antistaminici.Gli antistaminici aiutano ad alleviare il prurito, gli starnuti e il naso che cola per molte persone che  soffrono  di  allergie,  anche  se  hanno  meno  effetto sulla congestione da allergia. Fanno parte di questa categoria la loratadina, la cetirizina, l’ebastina, desloratadina.
•  Decongestionanti. Questi farmaci a breve durata sono disponibili sia da banco che sotto prescrizione medica in forma liquida, di compresse e come spray nasali. I decongestionanti orali comprendono farmaci contenenti pseudoefedrina. I decongestionanti orali possono aumentare la pressione sanguigna, per cui è bene evitarli se si soffre di pressione alta e possono anche aggravare i problemi di prostata. Gli spray decongestionanti nasali devono essere utilizzati solo per pochi giorni. Un uso prolungato può peggiorare la congestione nasale.

Altri trattamenti
Altri trattamenti per le allergie stagionali comprendono:
•  Immunoterapia  specifica  (vaccino  per  l’allergia). Conosciuta  anche  come  desensibilizzazione,  questo  trattamento può essere adatto se i farmaci non riescono a controllare i sintomi dell’allergia alle graminacee od altra o se possono causare significativi effetti collaterali.
•  Irrigazione  nasale.Per alleviare i sintomi dell’allergia nasale il medico può raccomandare l’ irrigazione nasale (lavaggio nasale). Ciò consente di liberare il naso dal muco e da altre sostanze irritanti tramite l’uso di soluzione fisiologica in fiale o spray.
•  Terapie  alternative. Alcune  persone  sostengono  che  i probiotici, l’agopuntura e l’ipnosi possano essere d’aiuto  contro i sintomi di allergia stagionale, tuttavia non c’è alcuna prova concreta a sostegno dell’efficacia di questi trattamenti.







Elenco articoli